Bio

Experience

Bio

sopra ogni cosa ama definirsi un padre orgoglioso dei suoi due bambini, Riccardo e Beatrice.

In effetti, separare la sua arte dalla vita privata è impossibile: entrambe sono ricchissime di aneddoti e dettagli nascosti che scopri solo un po’ alla volta.

Ma qual è il procedimento dal quale prendono vita le curve e i poligoni dei suoi disegni?
La prima fase è quella del bozzetto a mano libera, seguita dalla parte di lavorazione al computer. Niente tavoletta grafica: Francesco preferisce usare il mouse, limitando l’uso di Illustrator a pochi e semplici comandi.
Il risultato sono le sue inconfondibili illustrazioni “flat”, ottenute attraverso insiemi di primitive geometriche.

Experience

Da quando ha iniziato come illustratore, nel 2000, ha pubblicato su testate come The New York Times Magazine, Wired, GQ, Il Sole24 Ore, La Repubblica e Style Corriere della Sera.

Tra i suoi clienti ci sono Google, Reebok, NBA, Red Bull e McDonald’s. Ha esposto in collettive a Milano, Vicenza, Roma, New York e Londra.

www.francescoporoli.it

Segui Francesco Poroli